00

Nessun prodotto

Spedizione gratuita!Spedizione
£0.00

Prodotto aggiunto al tuo carrello

Quantità
Totale

Ci sono 0 articoli nel tuo carrello.Il tuo carrello contiene un oggetto.

Totale prodotti: 
Totale spedizione: Spedizione gratuita!: 
Tasse£0.00
Totale: 
Continua lo shoppingProcedi con il checkout

Il tuo Natale ha messo a rischio la salute del tuo cuore?

Sii sincero, hai esagerato con panettoni, i cioccolatini e salatini?

Il tuo Natale ha messo a rischio la salute del tuo cuore?

Updated on

Sii sincero, hai esagerato con panettoni, i cioccolatini e salatini? Se è così, potresti aver bisogno dell'aiuto del complesso liposomiale B e della vitamina C liposomiale per contrastare gli effetti negativi.

Il colesterolo e la placca si accumulano

La coronaropatia (Coronary Artery Disease) è la principale causa di morte in tutto il mondo. Questa condizione infiammatoria tende a iniziare con la deposizione di colesterolo all'interno delle pareti delle arterie e un successivo accumulo di placca che è perlopiù costituito da cellule di grasso, colesterolo, collagene e cellule infiammatorie. Con l'andar del tempo la placca si può calcificare e indurire, restringendo le arterie e limitando il flusso di sangue al cuore. Quando le placche si rompono, la ferita avvia un meccanismo di risposta infiammatoria e ciò aumenta il rischio di trombosi, ipertensione e insufficienza cardiaca.

Vitamina C per rafforzare le pareti delle arterie

La vitamina C svolge un ruolo essenziale nella riparazione del sistema cardiovascolare. Questa vitamina è importante per la sintesi del collagene: la carenza di vitamina C porta alla carenza di collagene. Il collagene è disponibile in diverse forme: il collagene di tipo III, che forma i tessuti connettivi, che danno forma e forza al cuore e alle arterie, e di tipo IV, che è necessario per riparare i vasi sanguigni. Oltre al supporto per la formazione del collagene, la vitamina C ha anche potenti proprietà antiossidanti, che inibiscono l'ossidazione dei grassi, riducendo così il rischio di aterosclerosi.

Omocisteina e fattori di rischio

Ci sono molti fattori come il fumo, l'obesità, il diabete, la mancanza di esercizio fisico, il colesterolo alto e l'ipertensione che influenzano il rischio di malattie cardiache, ma è in gran parte dovuto a una cattiva alimentazione e stile di vita. Anche un livello alto di omocisteina è ora considerato un importante fattore di rischio per la coronaropatia. L'omocisteina è un derivato naturale delle proteine che ha proprietà pro-ossidanti, opposte a quelle antiossidanti. Non solo aumenta i fattori di coagulazione, ma aumenta anche le tossine che danneggiano le arterie e aumentano l'infiammazione

Vitamine B liposomiali e omocisteina

Altrient B Liposomiale contiene B6, B12 e una forma brevettata di folato, chiamato quatrefolic, che è altamente assorbibile, tutti fattori cruciali per il metabolismo dell'omocisteina, la riduzione dell'omocisteina e la riduzione del rischio di malattia cardiovascolare. Uno scarso assorbimento o un'insufficienza dietetica di questi nutrienti può portare a livelli elevati di omocisteina e ad un aumentato rischio di malattie cardiache.

L'importanza degli integratori liposomiali di Altrient

Gli integratori liposomiali ad alte prestazioni di Altrient, il complesso vitaminico C e B offrono ulteriori benefici per il cuore. Questo si può ricondurre all'uso intelligente dell'incapsulamento ricco di fosfolipidi, che include un'alta percentuale di fosfatidilcolina (PC). La ricerca suggerisce che l'integrazione con PC riduce i livelli di omocisteina e di conseguenza può ridurre il rischio di malattie cardiache.

Alcune nozioni sul grasso e alternative sane per la dieta

Si ritiene che i grassi saturi aumentino l'infiammazione e i depositi di colesterolo nelle arterie. Recenti ricerche hanno rilevato che alcuni tipi di grassi saturi, come quelli presenti nella carne rossa piuttosto che nei latticini, possono aumentare il rischio di CAD. Il rischio può essere significativamente ridotto sostituendo i grassi saturi (carne rossa e latticini) per i grassi polinsaturi, presenti nel salmone, nel tonno fresco, nello sgombro, nei semi di lino e nelle noci, che hanno proprietà antinfiammatorie e aiutano a proteggere il cuore.

Cosa mangiare per avere un cuore sano

Avere una dieta sana richiede molto più che assumere integratori. Le sostanze fitochimiche e gli oligoelementi presenti negli alimenti vegetali sono essenziali per una buona salute cardiovascolare. Puoi ricominciare da zero perdendo peso, smettendo di fumare, riducendo lo stress e facendo esercizio fisico regolarmente. La British Heart Foundation sostiene che le persone che fanno esercizio fisico regolarmente hanno la metà delle probabilità di contrarre malattie cardiovascolari. Anche la dieta è importante, ed ecco alcuni preziosi suggerimenti:

  • Fibra solubile- aiuta a mantenere livelli di colesterolo normali. I semi di lino e i fiocchi di avena sono buone fonti di questo tipo di fibra.

  • Aumentare gli antiossidanti - si trovano in frutta, frutti di bosco e verdure, e sono importanti per aiutare a mantenere un buon flusso sanguigno e livelli di colesterolo.

  • Aglio e barbabietola - l'aglio aiuta a mantenere sani la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo, e la barbabietola aumenta i livelli di ossido nitrico, una sostanza che consente ai vasi sanguigni di dilatarsi, migliorando il flusso sanguigno e mantenendo bassa la pressione sanguigna.

  • Pesce, noci e semi oleosi - una buona fonte di acidi grassi essenziali omega 3 (EFA). Gli studi dimostrano che gli EFA aiutano a mantenere sani le arterie e il flusso sanguigno, ed a normalizzare il battito cardiaco e livelli di colesterolo.

Jacqueline Newson BSc (Hons), Terapia Nutrizionale



Bibliografia

  1. American College of Cardiology (ACC) Capire la coronaropatia. https://www.cardiosmart.org/News-and-Events/2016/06/Understanding-CAD. [accesso 29.11.18]

  1. Brink EJ, Katan MB, Olthof MR e Verhoef P. Choline ha aggiunto che la fosfatidilcolina riduce le concentrazioni di omocisteina nel plasma a digiuno e la postmetionina negli uomini sani, The American Journal of Clinical Nutrition, 2005; 82, 1: 111-117.

  1. Brouwer IA, Geleijnse JM, Hornstra G & Nettleton JA. Il consumo di grassi saturi e il rischio di coronaropatia e ictus ischemico: un aggiornamento scientifico. Ann Nutr Metab. 2017; 70 (1): 26-33.

  1. Clarke R, Halsey J, Lewington S et al. Gli effetti della riduzione dei livelli di omocisteina grazie alle vitamine del gruppo B su malattie cardiovascolari, cancro e mortalità legata a queste cause: meta-analisi di 8 studi randomizzati che hanno coinvolto 37.485 individui. Arch Intern Med. 2010; 170 (18): 1622-1631.

  1. Cuenca E, Domínguez R, Maté-Muñoz JL, et al. Effetti dell'integrazione di succo di barbabietola sulla resistenza cardiorespiratoria negli atleti. Una analisi sistematica. Nutrienti. 2017; 9 (1): 43.

  1. Damy T, Kirsch M, Khouzami L, et al. La carenza di glutatione nei pazienti cardiaci è correlata allo stato funzionale e alle anomalie cardiache strutturali. PLoS One. 2009; 4 (3): e4871.

  1. https://www.thrombosisadviser.com/coronary-and-peripheral-artery-disease/?gclid=Cj0KCQiAuf7fBRD7ARIsACqb8w42ubBTO0NW8CAFcEJT8X5Pk7D5ZiR24snNjNzDLbaQhvFfHlKyF28aAsq1EALw_wcB. [accesso 29.11.18.]

  1. Jacobsen DW. Omocisteina e vitamine nelle malattie cardiovascolari. Clinical chemistry 1998; 44 (8) 1833-1843.

  1. Jones PJH & Wollin SD. α-LipoicAcid and Cardiovascular Disease, The Journal of Nutrition 2003; 133, 11, 1: 3327-3330.

  1. Malhotra A, Meier P & Redberg RF. Il grasso saturo non ostruisce le arterie: la cardiopatia coronarica è una condizione infiammatoria cronica, il cui rischio può essere efficacemente ridotto introducendo uno stile di vita sano. Br J Sports Med 2017;51:1111-1112.

  1. Sudheendran S, Chang CC, Deckelbaum RJ. N-3 vs acidi grassi saturi: effetti sulla parete arteriosa. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2010; 82 (4-6): 205-9.

  2. La connessione al collagene https://nutritionreview.org/2013/04/collagen-connection/[accessed 10.12.18.]